Circolo Ufficiali Marina Mercantile - Riposto

Corso Italia, 70 - 95018 RIPOSTO (CT) - Tel. 095 934319 - E_mail: copani@artemare.it 

                                                                                                                                  Hit Counter

 

Tomarchio.jpg (17200 byte)Lio Tomarchio
 
‘O Ripostu ‘i Re ‘Maggi arrivunu d’u mari

 

 

 

 

Nella chiesetta antica del paese, proprio nella contrada di Torre Archirafi, dove il cuore s’addolcisce guardando le barche con lampare, che sembrano stelle scese in mare per pescare sotto la luna piena che luce un fondale di profumate erbe e colorati pesci, o un pescatore sotto il sole di mezzogiorno con il rotolo di rete caricato nelle spalle; o il remo d’una barca accarezzare quest’azzurro mai muto mentre il sole dell’alba sciacqua il suo viso nel mare; i tre re vengono sopra la barca, non col cammello, a trovare il Bambinello in una vecchia casetta attaccata alla chiesa vicino l’archetto antico del palazzo del Principe, dove stato allestito il "Presepio del Pescatore". Un presepio unico fatto con intelligenza e fantasia, che presenta il quartiere e il cuore di questa gente di mare.

La scena vede di fronte un cielo pieno di stelle in miniatura, la borgata con chiesa, piazza e casette con tetti in tegole, il palazzo del Principe con l’archetto, il muretto che s’affaccia nella marina di massi dove vi sono le barche tirate a secco. Ora nel mare che traspare si possono vedere pescetti colorati che nuotano sott’acqua vicino una "bulestrici" (rete) e pescatori con faccia segnata di vento e sale sopra barchette a remi con lampara accesa che con specchio e fiocina pescano sotto la chiara luna.

Il soffitto di questa vecchia stanza che fa da "Grotta" adornato con rete da pesca stesa a cielo con a centro la "cuvecchia" (cesta bassa e larga per portare pesce azzurro) e di lato vi la "nassa" per pescare i piccoli polipi. E mentre un gioco di luce cambia l’ora segnando il giorno e la notte, pastori con l’agnello sulle spalle scendono dal monte e pescatori che portano il pesce vengono dalla marina, a pregare e fare dono al Salvatore nato qui: sopra gli scogli a contatto col mare dove tra le canne una vecchia prua di barca incatastata fa da "stalla", e l’asinello e il bue assieme a San Giuseppe e la Madonna danno alito per riscaldare il Bambinello di niente vestito.

Pure i re Magi, nella scena che al tramonto viene interpretata dai pescatori del paese, stanno venendo a portare doni al Bambinello nel "Presepio del Pescatore". Sono in mare, ognuno di loro sopra un peschereccio segna la sua forte figura e la sua veste di seta ingioiellata sotto il cielo che svampa nuvolette di vento e guarda il cuore della Montagna che si apre nel manto della bianca neve mentre il suo mafioso (bello) pennacchio sale in cielo. Non stanno galoppando sopra un cammello tra dune della gialla sabbia del deserto, ma sopra azzurre onde mentre il venticello del tramonto spruzza la loro pelle segnata di sole di una fresca brezza di mare. Un coro di barche colorate con sopra famiglie di pescatori sono appresso. E bianchi voli di gabbiani intrecciano nell’aria la scena.

Intanto arrivano al porticciolo di Torre, l stanno ad aspettare la banda, il parroco con chierichetti vestiti da angelo e le autorit assieme ad un mare di folla festante. E mentre i tre pescherecci attraccano nel porticciolo la banda intona musica che s’intreccia ai fuochi della festa, e la gente applaude.

Tutti vanno ora verso la chiesetta che si trova poco distante passando dalla stradetta dove vi sono barche a remi tirate a secco: i pescatori di Torre quando vi mareggiata tirano fin sopra la strada la loro barca e la mettono accanto alla propria abitazione. Nelle giornate di maltempo, specie quando qualche barca ritarda a ritornare, la gente di questo borgo va a pregare nella chiesetta cercando protezione alla Madonna, come dice la poesia scolpita nella parte interna della bronzea porta della chiesa: "L’antica chiesa del settecento / dei parrocchiani coglie i sospiri / alla Madonna si cerca manto / quando il vento inselvaggia il mare".

Ora, arrivati davanti alla chiesa, i tre re chiedono: "Dov’ il re dei giudei ch’ nato? Abbiamo visto la "Stella" e siamo venuti per onorarlo. A Lui ch’ Dio vogliamo offrire i nostri doni" (assieme a oro, incenso e mirra, questi particolari re Magi portano al Bambinello pure cesti pieni di frutti di mare).

"Chi voi cercate qui con Maria sua madre; entrate e prostratevi in ginocchio", risponde il parroco. E i re Magi entrano in chiesa.

Dopo una particolare cerimonia religiosa dove sono i tre re a leggere i passi del Vangelo, che vengono alternati al coro parrocchiale che intona inni sacri, la processione si sposta nella stanzetta proprio attaccata alla chiesa e quasi sotto il piccolo arco, dove si trova il "Presepio del Pescatore". Qui viene cantata a gran voce "Tu scendi dalle stelle". E dopo che il parroco impartisce la benedizione, il Bambinello messo nel piccolo cestino di vimini con paglia viene affidato, in presenza dei re Magi, ad una famiglia di pescatori per custodirlo per tutto l’anno - Il capofamiglia il padrino del "Presepio" per quest’anno.

Ora il Natale chiude la sua notte fatata sotto il cielo pieno di stelle, la cenere del "ceppo" davanti alla chiesetta antica di Torre Archirafi ancora odora di radica d’arancio e vecchie carcasse di barche che assieme al legno hanno sciolto il loro sale. Si sente nell’aria il suono della zampogna che s’allontana, e il venticello della notte porta dal mare l’antico canto delle sirene, segnando nell’onda la bellezza e la poesia di questo "Presepio del Pescatore"!

‘Nta ‘na crisiudda antica d’u paisi, propriu ‘nta cuntrata di Turri Archirafi, unni lu cori addiventa duci vardannu li varchi cu lampara, ca parunu stiddi scinnuti a mari pi piscari sutta la china luna ca luci ‘n funnali d’erbi ciaurusi e pisci culurati, o ‘n piscaturi ‘nto suli d’u menziornu c’u rotulu di riti ‘nta spadda ‘mpunutu; o lu remu di ‘na varca accarizzari ‘st’azzurru mai mutu mentri lu suli di l’alba si sciacqua la so facci ‘nto mari; ‘i tri re venunu supra ‘a varca, non c’u camiddu, a truvari ‘u Bammineddu ‘nta ‘na vecchia casuzza a la cresia attaccata vicinu l’archiceddu anticu d’u palazzu d’u Principi, unni fu allistutu ‘u "Prisepiu d’u Piscaturi". ‘N prisepiu unicu fattu cu ‘ntilliggenza e fantasia, ca prisenta lu quarteri e lu cori di ‘sta genti di mari.

‘A scena viri di facci ‘n celu chinu di stiddi ‘n miniatura, ‘a cuntrata cu cresia, chiazza e casuzzi cu canali di critacotta, ‘u palazzu d’u Principi cu l’archiceddu, e ‘u murittu ca s’affaccia ‘nta marina di massi unni ci sunu li varchi tirati ‘o sciuttu. Ora ‘nta lu mari ca traspari si virunu pisciteddi di culuri ca natunu sutt’acqua attagghiu ‘na "bulestrici" (riti parata) e piscaturi cu facci ‘ntaccata di ventu e sali supra varcuzzi a rimi cu lampara addumata ca cu specchiu e friscina piscunu sutta la chiara luna.

‘U cummu di ‘sta vecchia stanza ca fa di "‘Rutta" paratu cu riti di pisca stinnuta a celu cu a centru ‘a "cuvecchia" (gistra vascia e larga pi purtari ‘i masculini) e di latu ‘a "nassa" pi purpiteddi. E mentri ‘na luci cancia l’ura tra notti e ghjornu, pasturi cu agneddi ‘mpunuti supra ‘i spaddi scinnunu d’u munti e piscaturi ca portunu pisci venunu d’a marina, a prijari e fari donu a lu Santu Sabbaturi ca nasciu cca: supra li scogghi a cuntattu c’u mari unni ammenzu giummi di cannicciola ‘na vecchia prua di varca ‘ncatastata fa di stadda, e ‘u sceccu e ‘u ‘oi assemi a Sagnuseppi e ‘a Maronna dununu ciatu pi quariari ‘u Bammineddu di nenti vistutu.

Puru li re ‘Maggi, ‘nta scena ca ora a lu tramuntu veni fatta a pirsunaggi d’i stissi piscaturi d’u paisi, stannu vinennu a purtari doni a lu Bamminu ‘nto "Prisepiu d’u Piscaturi". Sunu a mari, ognunu d’iddi supra ‘n piscareggiu signa cu la so forti fiura e la so vesti di sita ‘ngiujllata sutta ‘u celu ca svampa nuvuleddi di ventu e varda ‘u cori d’a Muntagna ca si japri ‘nta lu mantu di la janca nivi mentri lu so mafiusu pinnacchiu acchiana ‘n celu. Non stannu galuppannu supra ‘u camiddu tra li duni d’a gialla sabbia d’u disertu, ma supra azzurri unni mentri ‘u vinticeddu d’u tramuntu spruzza la so peddi signata di suli di ‘na frisca brizza di mari. ‘N coru di varchiceddi culurati cu famigghi di piscaturi ci sunu appressu. E janchi voli di vajazzi ‘ntrizzunu ‘nta l’aria la scena.

‘Ntantu arrivunu ‘o purticeddu d’a Turri, li stannu aspittannu ‘a banna, ‘u parrucu cu cherichetti vistuti d’anciulu e l’auturit assemi a ‘n mari di fudda fistanti. E mentri ‘i tri piscareggi attraccunu ‘o purticeddu, ‘a banna ‘ntona musica ca s’intrizza cu bummi di festa e ‘a genti abbatti ‘i manu.

Tutti vannu ora versu ‘a crisiudda ca si trova vicinu, passannu d’a straticedda unni ci sunu varcuzzi a rimi tirati ‘o siccu: ‘i piscaturi d’a Turri quannu c’ mari forti tirunu supra ‘a strata ‘a varca e s’a mettunu attagghiu ‘a so porta. ‘Nta li jurnati di malutempu, speci quannu ‘occa varca sta tardannu a turnari, ‘a genti va a prijari ‘nta ‘sta crisudda circannu prutezioni a la Maronna, comu dici ‘a puisia sculpita ‘nta parti d’intra d’a porta di brunzu d’a cresia: "L’antica cresia di lu setticentu / d’i parrucchiani cogghi li suspiri / a la Maronna si ci cerca mantu / quannu lu ventu fa ‘nsarvaggiri ‘u mari".

Ora, arrivati avanti ‘a cresia, ‘i tri re addumannunu: "Un’ ‘u re d’i Giudei nasciutu? Vistumu la "Stidda" e vinnimu pi adurarlu. A iddu ca Diu vulemu offriri ‘i nostri doni" (assemi a oru, ‘ncenzu e mira, ‘sti tri particulari re ‘Maggi portunu ‘o Bammineddu puru cesti chini di rizzi, occhi ‘i ‘oi, purpiteddi e mauru).

"Cu’ Vui circati cca cu Maria so matri; trasiti e ‘nchinativi ‘nginocchiu", rispunni ‘u parrucu. E ‘i tri ‘Maggi trasunu ‘nta cresia.

Dopu ‘na particulari cirimonia riliggiusa unni sunu ‘i tri re a leggiri ‘i passi d’u Vangelu, ca venunu ‘ntramizzati d’u coru parrucchiali ca ‘ntona inni sagri, ‘a prucissioni si sposta ‘nta casuzza propriu attaccata ‘a cresia e quasi sutta l’archiceddu, unni c’ ‘u "Prisepiu d’u Piscaturi". Cca, s’intona forti "Tu scinni di li stiddi". E dopu ca ‘u parrucu fa ‘na particulari binidizioni, ‘u Bammineddu misu ‘nta ‘n cistineddu di vimini cu pagghia veni affidatu, ‘n prisenza di re ‘Maggi, a ‘na famigghia di piscaturi pi custudillu pi tuttu l’annu. - ‘U capufamigghia ‘u patrozzu d’u "Prisepiu" pi ‘st’annu -.

Ora, ‘u Natali chiudi la so notti ‘nfatata sutta ‘u celu chinu di stiddi, la cinniri d’u "zuccu" avanti ‘a crisiudda antica d’a Turri Archirafi ancora ciauria di rarica d’aranciu e vecchi carcassi di varca c’assemi ‘o lignu squagghiaru lu so sali. Si senti ‘nta l’aria ‘u sonu d’a sampugna ca s’alluntana, e ‘u vinticeddu di la notti porta di lu mari l’anticu cantu d’i sireni, signannu ‘nta l’unna ‘a biddizza e ‘a puisia di ‘stu "Prisepiu d’u Piscaturi"!

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dal volume ’A picciotta di nomu Sicilia - Editrice L’EPOS, Palermo      

 

“Comu si fa a no essiri pueta”      

Stacci ‘nta ‘na jurnata di tramuntu

quannu l’autunnu ammanta ‘nta lu giallu

‘i paiseddi antichi d’a Muntagna

assittatu ‘o purticeddu d’u Ripostu

 

Vardili li culuri di lu celu

mentri ‘nto Munti ci janchia la nivi

e d’a vajazza senti lu cantari

cogghiri l’ultimu ciatu di lu suli

 

Centu piscareggi ci sunu a mari

ca raccuntunu la storia d’omini duri

‘nta li so vrazza e chiari ‘nta lu cori

cu ossa e peddi ‘mpastati di sali

 

Vardulu ‘u giujri di la luna

mentri ‘nto mari canta la lampara

e ‘a musica du remu la culura

facennu arrusbigghiari la sirena

 

E poi tu dimmillu omu pinzaturi

chi c’ scrittu ‘n celu ‘n terra e a mari

varda ‘stu gran culuri l’Amuri

ca a tutti duna paci e sciogghi cori

 

E dimmillu tu ora cu la menti cheta

comu si fa a no essiri pueta